Successo a Milano per ‘Musicanti il Musical’ che si ferma e ritorna agli Arcimboldi il 16 e 17 marzo

Musicanti, il musical con le canzoni di Pino Daniele, dopo uno strepitoso debutto il 7 marzo al teatro degli Arcimboldi di Milano e dopo aver raccolto applausi tutte le sere, con la replica di ieri ha concluso la sua prima parte della tappa milanese. Ritorneranno in scena ancora sabato 16 marzo e domenica 17 marzo per portare un’altra ventata di napoletanità e l’eco delle sue meravigliose musiche.

Per altre info sullo spettacolo, il cast e la trama  vi rimandiamo al nostro precedente articolo.

Questo spettacolo offre veramente un’atmosfera avvolgente, sia con le canzoni che per gli strumenti,  affidati alla talentuosa band, composta da amici di Pino Daniele.

Sono loro che intermezzano lo spettacolo con virtuosismi musicali molto apprezzati dal pubblico. A tratti si ha l’impressione di assistere ad un concerto e quasi ci si dimentica di assistere ad uno spettacolo teatrale.

Quello che succede sul palco mentre si dipana la storia,  spesse volte arriva al cuore ed emoziona per l’intensità sia delle voci che del contenuto intriso di passione,  amore, amicizia, integrazione senza tralasciare temi sempre attuali, come la perdita del lavoro o la prepotenza esercitata da persone senza scrupoli per trarne ingiusti profitti sulla pelle della povera gente.

Il cuore di tutto è un locale, realmente esistito a Napoli, che si chiama Ue’ man e in cui lavorano tante persone. Fanno da corollario scenico alcuni spaccati del paesaggio napoletano, collegato da un ponte che unisce e rende possibile una maggiore dinamicità delle scene. Ma in realtà poi a fare da legante a tutto ci pensano le musiche e le canzoni di Pino Daniele, ancora oggi immortali dopo la sua prematura scomparsa.

Sono in tanti tra il pubblico quelli che intonano le canzoni lasciandosi trascinare dalla melodie, a volte un pò nostalgiche, ma sempre coinvolgenti, come . “Na Tazzulella ’e cafè”, “A me me piace ’o blues”, “I say I sto ’ccà”, “Napule è”, “Viento”, “Je so pazzo”, “Cammina cammina”,  e altre.

Musicanti può definirsi un lavoro ben fatto e l’idea di scriverlo, avuta da  Alessandra Della Guardia e Urbano Lione non può che meritare un plauso e questo spettacolo non farà fatica a raggiungere altre città italiane o europee nelle prossime stagioni, perchè commuove, diverte e fa riflettere in una perfetta alchimia tra musiche e recitazione. Tuttavia avrebbe bisogno di un ritmo maggiore nello svolgimento delle scene che sono troppo lente e ne allungano la durata forse eccessiva (tre ore).

Il cast nella sua interezza, grazie al comprovato talento di ognuno, riesce a dare spessore allo spettacolo: ottime le perfomance di Pietro Pignatelli con la sua forte presenza scenica e la voce graffiante, di Maria Letizia Gorga dalla forte personalità che rende le sue interpretazioni uniche, di Noemi Smorra la cui voce, così come il recitato, pervade la scena in modo significante, ma anche Enzo Casertano con il suo personaggio porta in scena la tipica ironia di Napoli. Come non apprezzare Leandro Amato, che nel ruolo di ‘O Scic è perfetto e completo. Ma anche Alessandro D’Auria, si rivela un artista a tutto tondo, all’altezza del suo ruolo. Infatti per ogni artista stare in scena non basta recitare un copione, ma serve la personalità ed il carisma che sono intrinsechi al talento.

Dopo Milano, la tournée proseguirà con le date di Assisi (12 e 13 aprile – Teatro Lyrick) e Roma (dal 7 al 12 maggio – Teatro Olimpico). E, intanto, arriva la prima data della tournée estiva: 8 giugno, alle 21, Arena Flegrea di Napoli. Data unica in Campania.

Il calendario aggiornato del tour è disponibile sul sito ufficiale: www.musicanti.show

I biglietti sono disponibili in prevendita sul circuito Ticketone.

 

Rispondi