Per la 75ª Stagione sinfonica I Pomeriggi Musicali: ‘Anniversari’ – Orchestra Haydn di Bolzano e Trento il 21 e 23 novembre

La Stagione 2019/2020 non vede solo il festeggiamento del 75° Anniversario dei Pomeriggi Musicali, ma altresì quello per la 60ª Stagione dell’Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, formazione che tradizionalmente figura tra le più rinomate orchestre ospiti al Teatro Dal Verme.

La collaborazione tra la Haydn e I Pomeriggi, alimentata da un confronto sempre vivace e stimolante sul piano artistico e programmatico, si è via via rafforzata negli anni in cui le formazioni sono state abitualmente ospiti dei reciproci cartelloni.

Per il 2020 la nostra compagine sarà impegnata a Bolzano il 3 marzo e a Trento il 4 marzo, diretta da Federico Mondelci. Il programma che la Haydn eseguirà al Teatro Dal Verme giovedì 21 novembre alle ore 20:00 e sabato 23 alle ore 17:00 ha per cardine la musica Barocca e Pre-classica. Il concerto inizierà sulle note della Danza delle Furie e della Danza degli Spiriti Beati da Orfeo e Euridice di Christoph Willibald Gluck, compositore da annoverare fra i padri del melodramma, per poi proseguire con la Sinfonia n. 80 di Franz Joseph Haydn, colui che a fine Settecento pose le basi da cui prese avvio lo sviluppo della forma sinfonica.

La serata si concluderà con la Sinfonia n. 29 di Wolfgang Amadeus Mozart, capolavoro giovanile che Stanley Sadie considera “una pietra miliare, personale nel tono e ancor di più nella sua combinazione di intima musica da camera con una tempra ardente e impulsiva”. Sul podio a dirigere l’Orchestra Haydn salirà Ottavio Dantone, uno dei più profondi conoscitori della prassi esecutiva del periodo Barocco, dal 1996 Direttore Musicale dell’Accademia Bizantina di Ravenna, ma altresì esperto nel repertorio classico e romantico. Tra i concerti diretti dal M° Dantone al Teatro Dal Verme, I Pomeriggi ricordano con grande emozione l’apertura della 70ª Stagione sinfonica del 23 ottobre 2014, quando, condotta dalla sua bacchetta, l’Orchestra si esibì nel Messiah di Händel.

 

Rispondi