Al Teatro Martinitt la cultura è per tutti: il 14 dicembre accessibile anche a non udenti e non vedenti

Il tempio meneghino della comicità è stato scelto per ampliare l’offerta del progetto ideato da AIACE Milano, in collaborazione con AGIS Lombardia, Regione Lombardia e Fondazione Cariplo. Grazie ad audiodescrizioni e sopratitoli, il 14 dicembre le due repliche dello spettacolo in locandina saranno fruibili anche al pubblico con disabilità sensoriali. E prima della commedia, visita tattile in scena.

La cultura è per tutti. E’ la filosofia del Teatro Martinitt, che da sempre si batte per avvicinare sempre più pubblico al teatro. E ora, in occasione della doppia replica di “Per favore non uccidete Cenerentola” di sabato 14 dicembre (ore 17.30 e 21), persone normodotate, cieche, ipovedenti e sorde potranno tutte godersi indistintamente lo spettacolo. Nell’ambito di NEXT-Laboratorio di idee per la produzione e distribuzione dello spettacolo dal vivo lombardo –progetto di Regione Lombardia, sostenuto da Fondazione Cariplo, in collaborazione con AGIS Lombardia- il Teatro Martinitt è stato selezionato da una speciale Commissione per aderire al progetto Teatro Senza Barriere®.

Grazie alla competenza tecnica di Raggio Verde, che fornirà audiodescrizioni in cuffia (complete di informazioni su scenografia, costumi e movimenti degli attori) e sopratitoli (che descrivono anche rumori, musiche, suoni e provenienza della voce), le rappresentazioni del 14 dicembre saranno dunque fruibili a un pubblico indifferenziato, nell’ottica di abbattere non solo le barriere, ma anche i pregiudizi.

Prima dello spettacolo pomeridiano, inoltre, verrà proposta una visita tattile (ore 16), della durata di mezzora, durante la quale gli spettatori con disabilità sensoriali potranno toccare costumi degli interpreti, scenografie e oggetti di scena e acquisire un bagaglio di informazioni utili alla fruizione della commedia.

Ingresso disabili: 3 euro. Accompagnatore, ove previsto: 3 euro.
Prenotazione obbligatoria per spettacolo e visita entro il 12 dicembre.

 

Rispondi