Cantierememoria: dal 21 dicembre alla Casa della Memoria si apre l’edizione 2019/2020

Come è ormai tradizione Casa della Memoria, luogo della memoria storica e civile di Milano, apre le sue porte al pubblico per il mese di dicembre e le festività natalizie, con un palinsesto di attività che spaziano dall’arte, al teatro, alla musica e alla danza.

Dopo l’anteprima musicale del 6 dicembre, dedicata alle vittime della bomba alla Banca Nazionale dell’Agricoltura nel 50° anniversario della strage, il 21 dicembre alle ore 18.00 in Casa della Memoria si apre l’edizione 2019-2020 di CANTIEREMEMORIA – manifestazione promossa e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano – con l’inaugurazione della mostra EMERGEnza LIBERTA’. 12 fotografie dall’archivio di Paola Mattioli che dà il titolo a tutta la rassegna.

Filo conduttore della quarta edizione è il tema della LIBERTA’, argomento di grande attualità e urgenza nel momento in cui sembrano naufragare i principi di uguaglianza (equità e inclusione) e di fratellanza (solidarietà). Il tema è svolto in un crescendo di eventi che vedono protagoniste la musica e la parola, le prime forme di espressione vietate dalle dittature.

Curato da Maria Fratelli, il CANTIEREMEMORIA di quest’anno è realizzato dalla Compagnia Teatro degli Angioli.

“La storia va imparata per scrivere ogni giorno le migliori pagine possibili del nostro presente, così da orientare il futuro nella direzione della libertà. – dice Maria Fratelli – In molti hanno perso la vita per garantirci i diritti di cui oggi godiamo, perdendo la loro memoria perderemo anche le loro conquiste”.

Con questa iniziativa Casa della Memoria, spazio pubblico e sede dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia (ANPI), dell’Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi Nazisti (ANED), dell’Istituto nazionale Ferruccio Parri (ex INSMLI), dell’Associazione Italiana Vittime del Terrorismo (AIVITER) e dell’Associazione Piazza Fontana 12 dicembre 1969, si apre alla cittadinanza invitando tutti alla condivisione e alla partecipazione attiva.

 

Rispondi