I Pomeriggi Musicali: ‘Anniversari’ – 6 e 8 febbraio 2020 al Teatro Dal Verme

75ª STAGIONE SINFONICA
ORCHESTRA I POMERIGGI MUSICALI
Anniversari
Direttore Artistico, M° Maurizio Salerno 

Giovedì 6 febbraio ore 20.00
Sabato 8 febbraio ore 17.00

Generale aperta – giovedì 6 febbraio ore 10.00

Teatro Dal Verme
Via San Giovanni sul Muro, 2 – Milano

Anniversari IV: Luciano Chailly
Chailly, Toccata per orchestra d’archi
Paganini, Concerto per violino e orchestra n. 2, “La Campanella”, in si minore op. 7
Ravel, Pavane pour une infante défunte
Stravinskij, Pulcinella, suite da concerto
Direttore: Alessandro Cadario
Violino: Giuseppe Gibboni
Orchestra I Pomeriggi Musicali

Alessandro Cadario, direttore che ha legato ai Pomeriggi la sua carriera, dai primi passi mossi sul podio del Teatro Dal Verme fino alla nomina di Direttore Ospite Principale dell’Orchestra (2016 – 2019), torna a dirigere I Pomeriggi Musicali per i concerti di giovedì 6 febbraio, alle ore 20:00, e di sabato 8 febbraio alle ore 17:00, quarta tappa del viaggio tra gli anniversari musicali che segnano il 2020. A cento anni dalla nascita, il concerto è dedicato a Luciano Chailly, compositore, docente e direttore artistico di importanti Fondazioni Lirico-sinfoniche. Autore dallo stile eclettico, sodale di Dino Buzzati – per lui il grande scrittore scrisse ben quattro libretti d’opera – Chailly è uno dei grandi maestri del Novecento con cui I Pomeriggi Musicali istaurarono un rapporto di amicizia e collaborazione in grado di dare vita a commissioni e prime esecuzioni che contribuirono notevolmente alla divulgazione della musica dei grandi autori del secolo scorso. In suo onore, dunque, il concerto si aprirà con la sua Toccata per orchestra d’archi. Subito dopo, accanto al M° Cadario e all’Orchestra, sul palco salirà il talento di Giuseppe Gibboni, giovane violinista, classe 2001, anch’egli amico e sovente gradito ospite dei Pomeriggi. Gibboni farà ascoltare al pubblico la sua interpretazione del virtuosistico Concerto per violino e orchestra n. 2, di Nicolò Paganini, noto con il titolo programmatico de “La Campanella”. Dopo l’intervallo sarà l’Orchestra tutta a dare appuntamento al pubblico al prossimo concerto, eseguendo Pavane pour une infante défunte di Maurice Ravel, a cui seguirà la suite da concerto dalle musiche scritte per Pulcinella, il balletto che Igor Stravinskij, su suggestione del fondatore dei Ballets Russes, Sergej Djagilev, fece nascere da materiale incompiuto a firma di Giovanni Battista Pergolesi.  Si andrà così a chiudere un ricco e policromo cartellone settimanale.

 

Rispondi