Parlami d’Amore di Philippe Claudel, oggi l’ultima replica al Teatro Delfino – recensione

Rimane in scena ancora per la replica di oggi 2 febbraio 2020 lo spettacolo “Parlami d’Amore” di Philippe Claudel al Teatro Delfino, già presentato nel nostro precedente articolo, a cui vi rimandiamo per altre info, orari e prezzi.

LA RECENSIONE:
Un palco trasformato in un “ring”, grazie ad un interessante testo e ad un ritmo elevatissimo. Francesco Brachetti e Nathalie Caldonazzo hanno dato il massimo.

Uno spaccato crudo e realistico secondo la cura della regia di Francesco Branchetti, il quale ha scelto di delineare con oggettività il rapporto di coppia di due cinquantenni con profili articolati e di certo non proprio vicinissimi alla quotidianità del ceto medio. Lui un arrivista cinico e spietato interpretato dallo stesso Francesco Brachetti, lei una sognatrice un po’ svampita ma determinata interpretata da Nathalie Caldonazzo; hanno “battagliato” ad alti ritmi recitativi portando in scena due personaggi accuratamente costruiti e lavorando molto sulla caratterizzazione dei personaggi, contrastanti tra loro praticamente in tutti i dialoghi ma legati da un forte sentimento malinconico e, in sotto testo, lontano ed adolescenziale.

PARLAMI D’AMORE” di Philippe Claudel portato in scena da oramai tanti anni, con molteplici rivisitazioni registiche, sembra non invecchiare mai e riesce sempre a rimanere attuale; avendo come fulcro la lotta interna familiare che è utile alla tenuta del nucleo familiare e meno alle coronarie dei genitori, che sono a volte protagonisti di liti furiose che sfociano spesso in sarcastiche situazioni comiche e paradossali. In breve è questo che trasmette il testo e che ieri si è visto in scena al Teatro Delfino.

Le musiche originali di Pino Cangialosi e le scene di Alessandra Ricci hanno fatto da contorno alla “danza scenica” dei due attori che hanno il merito di aver tenuto un ritmo elevato per più di un’ora di spettacolo, giocando tra loro con un testo pieno di contrasti registici, offese, battute e di pungenti provocazioni. Interessanti i cambi direzionali ed alcuni momenti di silenzio che in quel frastuono di offese, di urla e di provocazioni verbali, risuonavano altamente intensi.

 

Rispondi