Al via da oggi il primo dei cinque video dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi

19 giugno 2020. Questa è la data della prima messa in rete dei cinque video che l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi ha realizzato sulle terrazze milanesi, dando corpo all’iniziativa #MILANORISUONA.

Si parte col violoncello di Mario Shirai Grigolato, impegnato nell’esecuzione del Preludio, la Corrente e la Giga dalla Suite n.1 per Violoncello solo in Sol maggiore BWV 1007 di Johann Sebastian Bach. Di questa composizione il grande Sergio Sablich disse: “Sembra che Bach abbia inteso conferire al Preludio della Prima Suite un carattere dimostrativo intimo, non esteriore, meno che mai esibito, in un certo senso addirittura interlocutorio.”

Un dialogo con Milano: in un gioco di sguardi, di rimandi, di reciproca conoscenza, Grigolato e laVerdi ritornano in città e ne odorano di nuovo l’aria, ne vivono con rinnovato spirito le atmosfere. Non è un caso che la prima location scelta per #MILANORISUONA sia il Castello Sforzesco, che della città di Milano custodisce intatto lo spirito primigenio. Ma, dalle cui merlate, si intravede anche la città “nuova”, i grattacieli in vetro e acciaio e il Palazzo della Regione Lombardia. Mettere in contatto il nuovo con l’antico, creare ponti di dialogo ed educare alla bellezza sono tutte mission dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, che attraverso il violoncello di Mario Shirai Grigolato dedica alla città la sua prima “serenata” (anche se eseguita nel sole di una splendida mattinata milanese), il primo canto dopo mesi di silenzio, da sussurrare al cuore della città, il suo Castello, un forziere pieno di tesori, dal Museo degli Strumenti Musicali alla grandiosa Pietà Rondanini di Michelangelo.

Si tratta solamente del primo della serie di appuntamenti online di #MILANORISUONA. Dopo Grigolato al Castello Sforzesco sarà il turno di Nicolò Manachino, primo flauto de laVerdi, sulla cima del Palazzo della Regione Lombardia; l’arpa di Elena Piva insieme con l’oboe di Luca Stocco, presso l’Istituto Nazionale Tumori di Milano; un Quartetto d’Archi che risuona dalla cima del Duomo, con Luca Santaniello, Elena Viganò, Gabriele Mugnai e Tobia Scarpolini. A chiudere questo ciclo di esecuzioni, il trombone di Giuliano Rizzotto e le percussioni di Viviana Mologni.

A partire da venerdì 19 giugno 2020, il primo video della campagna #MILANORISUONA sarà a disposizione online sulle piattaforme Youtube, Facebook e Instagram dell’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi.

 

Rispondi