Galleria Francesco Zanuso: la mostra ‘Icaro delle cadute’ chiude al 1 ottobre con evento di finissage al 30 settembre

La mostra “Icaro delle cadute”, esposta presso la Galleria Francesco Zanuso fino al 1 ottobre, propone per mercoledì 30 settembre l’evento di finissage dalle ore 16 alle 21.

Il racconto per immagini di Lucia Lamacchia e Franco Raggi intorno al tema della caduta evocata nel metaforico viaggio di Icaro crea un connubio concettuale e iconico che caratterizza le opere dei due artisti dove i soggetti che cadono, realizzati da Lucia Lamacchia, trovano luoghi simbolici sui quali atterrare nei lavori di Franco Raggi.

Un parallelismo che allude al mito di Icaro sia per quanto concerne l’atto della caduta, sia nel ricordo di suo padre, Dedalo, architetto e creatore, in questo caso, di strutture pronte ad accogliere e attenuare lo schianto.

Lucia Lamacchia dal 2010 dedica la sua ricerca artistica allo studio del vuoto. Le figure che ritrae, persone, animali e oggetti sono rappresentati in caduta libera, in posizioni differenti, con atteggiamenti di resistenza o di abbandono nei confronti della gravità. Attorno a loro, lo spazio totalmente bianco del foglio descrive il vuoto, l’assenza, che, in una sorta di gioco fra elementi contrapposti con i personaggi disegnati, assume fondamentale importanza.

La selezione di opere in mostra, realizzate fra il 2018 e il 2020, presenta persone e animali; si passa da un boxeur ad una calciatrice che nel movimento atletico perdono l’equilibrio, da un bambino e una donna che compiono un salto nel vuoto, fino a un direttore che a braccia aperte, sprofonda in uno spazio sconosciuto.

Caratterizzati da un tratto delicato e dai colori sfumati, questa serie disegni a pennarello su carta vuole essere come afferma l’artista “un’esortazione a godersi la caduta, nell’ottica positiva che questa sia una metamorfosi, un nuovo inizio…”.


In direzione analoga sono orientati i disegni di Franco Raggi, pensati come risposta alle figure cadenti di Lucia Lamacchia; paesaggi immaginari dal titolo “Luoghi organizzati per cadute improbabili” che danno vita ad ambienti adatti alle cadute, predisposti ad attutire il colpo, a salvare, coloro che precipitano. L’artista inserisce in scenari naturali e desolati, scarsi di vegetazione, delle costruzioni arcaiche e irreali, tralicci, muri, stanze senza soffitti, zattere, strutture labirintiche, con al loro interno teli, cuscini, tappeti erbosi, parti morbide per alleviare l’impatto al suolo. In questi lavori ad inchiostro nero e acquerello emerge la vena ironica e paradossale legata alla poetica di Franco Raggi che, nei suoi disegni, allestimenti, scenografie e oggetti, spesso si sofferma su collegamenti tra concetti opposti come “Stabile/Instabile”, “Mobile/Immobile”, “Antico/Moderno”. Un dualismo che si intuisce anche nella lampada “La Classica” progettata nel 1975, prodotta oggi dall’artista in serie limitata ed esposta al centro della Galleria.

 

Rispondi