I Pomeriggi Musicali: l’11 e il 13 febbraio un concerto in prima assoluta di Alberto Cara e due celebri pagine di Chopin e Schubert

Torna sul podio dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali il direttore principale, lo statunitense James Feddeck, nominato in apertura di questa 76a stagione “Europa volti di una tradizione”, preparata dal direttore artistico Maurizio Salerno.

Saranno come sempre due gli appuntamenti settimanali, giovedì 11 febbraio alle ore 20 e sabato 13 febbraio alle ore 17, ancora in live streaming dal Teatro Dal Verme, alla pagina http://dalverme.org/streaming.php del sito dell’istituzione milanese.

Il programma si apre con una prima assoluta, commissionata dagli stessi Pomeriggi Musicali ad Alberto Cara (1975) ed intitolata Wedding and Funeral Marching Band, per orchestra di fiati e percussioni; quindi due lavori di altrettanti compositori simbolici del Romanticismo europeo: il Concerto per pianoforte e orchestra n. 2 in Fa minore op. 21 di Fryderyk Chopin (1810-1849) solista Viviana Lasaracina – fra le pianiste italiane più in evidenza di questi ultimi anni – e la Sinfonia n. 3 in Re maggiore D 200 di Franz Schubert (1797-1828).

Come scrive Raffaele Mellace nelle note di sala, Alberto Cara «è convinto che un compositore oggi debba offrire ai suoi contemporanei “oggetti” artistici adeguati all’attuale società di massa: comporre assemblando materiali storicizzati, con un occhio al sublime “artigianato” stravinskijano e un altro a John Adams. Oltreoceano, come spesso in Cara, guarda Wedding and Funeral Marching Band per fiati e un nutrito gruppo di percussioni, soprattutto membranofoni, tra cui spiccano cinque tom tom, dal grave all’acuto».

Agli albori del Romanticismo la musica sinfonica ha attraversato diverse fasi: ora di distacco rispetto alla tradizione, ora di continuità nei confronti di essa, come accade per esempio nel Concerto n. 2 op. 21 di Chopin e nella Sinfonia n. 3 D 200 di Schubert. La partitura del sommo musicista polacco, infatti, seppur coeva rispetto alle visionarie narrazioni per esempio della Symphonie fantastique di Berlioz (anch’essa del 1830), non rinnega nella struttura e nella gestualità il modello beethoveniano, così come la terza Sinfonia del viennese (del 1815 ma eseguita postuma molti anni dopo) è una pagina di luminosa spensieratezza tanto nell’orchestrazione, quanto nei ritmi e nelle solari idee melodiche, immuni a qualsiasi inquietudine.

La prossima settimana, in sostituzione del previsto Louis Lortie, tornerà sul podio dei Pomeriggi musicali il direttore finlandese Pietari Inkinen con un programma che comprende pagine di Debussy, Saint-Saëns e Poulenc.

I Pomeriggi Musicali desiderano rassicurare tutti coloro che sono in possesso degli abbonamenti per la 76ª Stagione Sinfonica dell’Orchestra I Pomeriggi Musicali che, non appena sarà possibile riprendere le attività in Teatro, saranno rese note le possibilità e le modalità di recupero dei concerti sospesi a causa della pandemia.


Informazioni
Teatro Dal Verme
via San Giovanni sul Muro, 2 – 20121, Milano
Tel. 02 87 905 208 – www.ipomeriggi.it
Segui le pagine istituzionali facebook: @teatrodalverme @orchestraipomeriggimusicali

 

Rispondi