Le Gru – Gallerie da Re: dal 3 maggio tre mesi per scoprire il territorio, giocare, divertirsi insieme

Alzi la mano chi non ha sognato di vivere almeno un giorno come in una favola, passeggiando fra corridoi e giardini di uno splendido palazzo nei panni di una dama o di un signore della nobiltà! Dal 3 maggio a Le Gru il sogno si può realizzare!

Le Gallerie del Centro dal 3 maggio, per circa 3 mesi,  si trasformerà in un vero e proprio castello con straordinari allestimenti, eleganti suggestioni, postazioni fotografiche e una vera e propria mostra per ritrovarsi catapultati in un’atmosfera d’altri tempi.

L’ispirazione, per l’instancabile team creativo di Le Gru, da sempre impegnato ad aprire le porte a iniziative culturali e di sostegno del territorio, è nata guardando al ricco patrimonio delle dimore storiche piemontesi. In collaborazione con l’Associazione Amici di Castelli Aperti – che dal 1996 consente al pubblico di scoprire e visitare castelli, giardini, musei, palazzi, ville e borghi del Piemonte – è nata infatti l’idea di arricchire l’esperienza di shopping con tante sorprese per giocare, scoprire e divertirsi insieme.

È nato così Gallerie da Re, un contenitore di iniziative che promette di valorizzare il territorio piemontese, stimolare la visita ai castelli e alle dimore storiche e soprattutto, emozionare e divertire il pubblico di Le Gru che per qualche ora avrà la possibilità di vivere in una dimensione da sogno.

Castello di Govone – foto di Mark Cooper

La mostra Castelli in Aria, visitabile gratuitamente lungo tutta la Galleria che da Piazza Nord porta a Piazza Sud al piano terra, è un vero e proprio omaggio al paesaggio dei castelli piemontesi visti dall’alto. Una quarantina di immagini allestiste in un elegante e suggestivo percorso di viaggio verso le più affascinanti dimore storiche che punteggiano le zone dell’Alto e del Basso Monferrato, dell’astigiano, delle Langhe e del Roero, si compongono in un racconto che utilizza la fotografia aerea per offrire un punto di vista inedito dei castelli, testimoni silenziosi nei secoli della grande storia del Piemonte. I luoghi indagati da sorprendenti immagini dall’alto sono quelli del territorio vitivinicolo tutelato dall’UNESCO, ma sono soprattutto quelli che raccontano uno dei paesaggi più ricchi d’Italia e d’Europa, facendo del territorio piemontese un unicum che trova riscontro in poche altre aree dell’Italia. La proposta artistica dei fotografi Mark Cooper e Fabio Polosa, in cui l’ebbrezza del vedere dall’alto verso il basso si coniuga con l’amore per il paesaggio nella sua più ampia accezione, è un invito a una visione differente, a cercare nuove interpretazioni, nuovi punti di vista per ripensare il paesaggio.

Castello di Serralunga d’Alba – foto di Fabio Polosa

Ma non solo! Il pubblico di Le Gru potrà giocare a calarsi nei panni di eleganti nobiluomini e gentildonne dell’800 piemontese con Nobili Ritratti. Con questa seconda iniziativa, che promette coinvolgimento e partecipazione in piena sicurezza, saranno infatti allestite tre isole (Piazza Nord piano Terra, Piazza Sud Primo Piano, e corridoio OVS Piano Terra) con ricostruzioni di diversi ambienti legati ai castelli per farsi scattare divertenti fotografie: nei panni dei marchesi nella sala da pranzo del Castello del Roccolo a Busca, dei conti nella biblioteca del Castello di Masino, o dei duchi in visita al Castello del Roccolo a Busca.

Sarà possibile giocare a “social in ghingheri” attraverso i propri canali: le fotografie più belle pubblicate con l’hastag #LeGru #NobiliRitratti saranno condivise sui canali social di Le Gru!

Ci sarà inoltre la possibilità di diventare regine e re per un giorno, grazie a speciali adesivi a forma di corona sugli specchi di tutte le toilette del Centro per farsi dei #royalselfie incoronati.

Gallerie da Re promette, nell’arco dei tre mesi, molte altre sorprese: c’è una terza grande iniziativa in arrivo!

Sul sito e i canali social di Le Gru tutte le informazioni per non perdere nessuna iniziativa

 

Rispondi