Il Mio Nome è Cassandra, in scena dal 6 all’8 luglio nei Chiostri del Teatro Fontana

Il Mio Nome è Cassandra
6 – 8 LUGLIO – Chiostri del Teatro Fontana
Capienza max 50 spettatori

SCRITTO E DIRETTO DA FEDERICA BOGNETTI
CON FEDERICA BOGNETTI
LIGHT DESIGNER CLAUDINE CASTAY
DATORE LUCI PASQUALE PICCOLO
DISEGNO LOCANDINA DANILO ZERBINI
LOCANDINA ANDREA TIBALDI
SI RINGRAZIA MACRÒ MAUDIT TEATER, FRANCESCO CAMATTINI, KABBALAH CENTRE ITALIA
ISPIRATA DA RUDOLPH STEINER, GEORGE STEINER, ANTON CECHOV, FRANZ KAFKA
PRODUZIONE ELSINOR CENTRO DI PRODUZIONE TEATRALE, COMPAGNIA VERANDA RABBIT

Spettacolo inserito nel palinsesto La bella estate promosso dal comune di Milano

«All’incontro con il teatro e con l’arte una verità irrinunciabile si impossessa dell’essere umano senza più abbandonarlo. Non potrà più fare a meno della bellezza, astenersi dalla creazione. Vorrà raccontare storie con o senza voce, con o senza corpo, con o senza parole. E se non sarà lui a raccontarle le vorrà ascoltare, le vorrà vedere».

Elsinor Centro di Produzione Teatrale in collaborazione con Compagnia Veranda Rabbit presenta il nuovo lavoro dell’attrice e autrice lombarda Federica Bognetti.

Presentato in Prima nazionale al Festival di Napoli, Il mio nome è Cassandra è un monologo che indaga il ruolo dell’arte, oggi.

Nell’antica Grecia il teatro si trovava tra il tempio e il mercato, dove una linea verticale univa il basso all’alto: questo è il ruolo dell’artista, essere il tramite tra la Verità più alta e la vita quotidiana. Fare da canale verso l’eternità.

Bisogna spegnere questa voce o lasciare che invada il nostro essere?

In questo spettacolo un’attrice denuncia lo Stato per violento abbandono e recita la sua ultima parte lanciando un vaticinio: la sparizione della voce dell’arte.

Il progetto ruota attorno alla figura dell’artistain cui l’attore-creatore sviluppa il suo multiforme ruolo.

Diventa personaggio che dà voce a discorsi non suoi, griot/tramandatore di storie, colui che tiene in vita le parole, canale con il Creatore. Sacerdote di un rito vivo con un interlocutore vivo, rito che non può esistere se non c’è qualcuno che lo ascolta. Chi è oggi l’attore? Viene ascoltato?

Se la profetessa/griot dimenticherà noi potremo ricordare, tramandare?

Se lei sparisse la verità, la bellezza, la creazione sopravviveranno come desiderio nel cuore dell’uomo? «Diventerò come una Sirena che ha un’arma ancora più fatale del suo canto: il silenzio» (Franz Kakfa)

INFORMAZIONI E BIGLIETTERIA
TEATRO FONTANA
Quartiere Isola
Via G.A. Boltraffio, 21 20159 Milano

Per informazioni
Da lunedì a venerdì dalle 9.30 alle 13 e dalle 14 alle 18.00
Tel. 02.69015733
Mail. biglietteria@teatrofontana.it

ORARI SPETTACOLI
Martedì-giovedì ore 20.30

PREZZI
INTERO € 21,00
GIOVEDÌ SERA € 17,00
CONVENZIONI* € 17,00
OVER 65 / UNDER 14 € 10,00
UNDER 26 € 15,00

TEATRO IN BICI € 15,00
PREVENDITA E PRENOTAZIONE € 1,00
ABBONAMENTI PROSA
2 INGRESSI € 35,00
4 INGRESSI € 56,00
6 INGRESSI € 75,00

RITIRO BIGLIETTI
DALLE 15:00 ALLE 18:00
DA LUNEDÌ A VENERDÌ

La biglietteria apre due ore prima dell’inizio dello spettacolo. Ritiro entro 45 minuti prima dell’inizio dello spettacolo.

 

Rispondi