Milano Design Week 2021: Algranti LAB presenta la nuova collezione di tavolini

Appoggiare, condividere, chiacchierare, assaporare: tutto ciò che accade intorno a un tavolino. Algranti LAB presenta una nuova collezione di complementi d’arredo e, come in tutti progetti, protagonista è la materia, valorizzata lasciandola più prossima possibile a come la si è trovata.

Un modello, due varianti: una struttura a trapezio compatta, sviluppata in due versioni tra loro complementari e opposte, con la superficie più ampia rivolta verso il basso come base e verso l’alto come piano d’appoggio. Un tavolo basso rivestito in ferro di recupero, versatile e multifunzionale, pensato per accompagnare i mobili di diversi ambienti.

Da materie di recupero come legno, ferro, alluminio, rame, ottone e da oggetti ritrovati Algranti LAB realizza tavoli, cucine, armadi, letti, cassettiere, scrittoi, lampade, sedie e poltrone, complementi di arredo grandi e piccoli.

Algranti LAB è un laboratorio a tratti simile a una falegnameria e per altri versi a una fucina di pensieri dove prendono formale idee attraverso la pratica del riuso, dove si trovano soluzioni per l’abitare, nel pieno rispetto dell’ambiente, perseguendo una filosofia divita sostenibile.

Diretto da Pietro Algranti, fondato da Costanza Algranti nel 1997, il laboratorio pensa al futuro recuperando materie come bancali e assi da ponte, grondaie e lamiere rese uniche da ossidazioni naturali, immaginando cosa potrebbero diventare.

La produzione Algranti LAB è dedicata a progetti su misura, accanto due collezioni:i Grandi e i Piccoli, mobili e oggetti di arredo di diverse dimensioni e materiali.

Legno: tutti i nostri mobili sono costruiti in legno, legno di recupero soprattutto ricavato daassi da ponte, legni scesi dai ponteggi per diventare altro. Certe volte li ricopriamo conferro, rame, ottone o alluminio altre volte ci piace lasciarli così come sono facendo vedere quanto il tempo prenda forme e ammorbidisca anche lo spigolo più netto.

Ferro: usiamo fogli diferro ossidati naturalmente per ricoprire alcuni dei  nostri mobili, ferro recuperato da laboratori e industrie, lo utilizziamo per quanto riesce a trasmettere, per il suo colore bruno, ricco, per la capacità di essere resistentee affascinante.

Rame: dai tetti, dalle grondaie, dipinto dalla pioggia, colorato dal sole, dal cielo arriva il rame che utilizziamo per i nostri mobili. Una lastra di rame rimasta per anni in cima a un tetto è un insieme di racconti e di disegni da vedere, da scovare.

Alluminio: poche cose risultano morbide come l’alluminio di recupero, una materia che riesce a rendere le superfici con eleganza, definendo il design in modo contemporaneo.

Ottone: estremamente duttile questa lega, recuperata da smantellamenti e ristrutturazioni, è carica di segni testimoni del passato. La utilizziamo per i suoi toni brillanti e riflettenti che trasmettono calore e profondità.

ALGRANTI LAB per Milano Design Week 2021
Would you like a cup of coffee?
5 – 10 settembre 2021 | dalle ore 10.00 alle ore 20.00
via Pepe 20 – 28 – Milano

 

Rispondi