Consolato Generale del Brasile in Milano: quando la diplomazia incontra la cultura si realizzano i sogni

Lo scorso lunedì 2 maggio presso il Consolato Generale del Brasile, organizzato da Vanessa Lapolli, vicedirettrice Milano Etno TV e direttrice Focus Brasil Milano, si è tenuto un’importante quanto prestigioso  seminario tenuto dall’illustre professore Pachecão José Inácio da Silva Pereira, molto stimato in Brasile e in America latina, ma anche nel consesso internazionale

E stato in quest’ottica che Vanessa Lapolli ha prima  ideato e poi organizzato un’importante seminario da  tenersi al Consolato Generale del Brasile che,  proprio per gli obiettivi che intendeva raggiungere in senso alla comunità Brasiliana a Milano e nel circondario è stata bene accolta dal Console Generale, ambasciatore Hadil Fontes da Rocha Vianna,  che non solo ha accolto il progetto, ma lo ha ospitato nella sede diplomatica milanese, aprendo così le porte  alla cultura, superando i necessari protocolli della sicurezza. Ed è stata proprio questa sua apertura, non solo delle porte fisiche, ma di quelle mentali, che che la dice lunga su quello che è la sua visione  e l’indirizzo  che vuole imprimere al suo mandato, del quale la comunità brasiliana in Milano in primis ma di riflesso tutto il mondo culturale del capoluogo meneghino, non può che essere grato fin d’adesso, poichè da sempre capostipite e faro culturale in Italia e in Europa.

Ed è per questo che  prima di parlarvi del seminario, vorremmo focalizzare la vostra attenzione sul padrone di casa, nella persona dell’Ambasciator  Hadil Fontes da Rocha Vianna, Console generale della Repubblica Federativa del Brasile in Milano, il quale ha preso possesso della sede diplomatica lombarda lo scorso mese di aprile.

La figura consolare del Brasile, in ragione della numerosa comunità, residente  sia nel capoluogo lombardo  che nel suo hinterland e in tutto il territorio del nord Italia, dove si estende la sua giurisdizione, è di una importanza rilevante, tanto che il 13 aprile 2022 il Ministro degli affari esteri e della cooperazione internazionale ha concesso l’Exequatur al signor Hadil Fontes da Rocha Vianna.

Noi abbiamo voluto incontrarlo per salutarlo e darle in benvevuto, ma anche per ringraziarlo del gentile invito presso la sede consolare.

L’ambasciatore ci ha concesso una breve intervista, ma significativa videointervista nel suo ufficio che potete ascoltare e vedere  nel link sottostante, che precede, cronologicamente, quella al professor Pachecão.

Noi che siamo sempre alla ricerca di eventi nei quali venga veicolata la cultura in tutti suoi aspetti non abbiamo perso questa occasione e abbiano accettato l’invito facendo una significativa esperienza, che vi raccontiamo mediante una videointervista, della quale ci scusiamo per la scadente qualità dell’audio, dovuta ad un imprevedibile disguido tecnico che ha messo fuori uso lo strumento  da utilizzare  per registrare, dovendo così ripiegare, all’ultimo minuto, ad uno di emergeneza del quale non si conoscevamo le prestazioni e che, unito ai rumori di fondo della sala, non ha dato i risultati sperati, ma promettiamo che ci rifaremo raccontando, in altre occasioni, le iniziative che verranno realizzate dal Consolato Generale del Brasile.

Nel corso dell’intervista il rinomato professor Pachecão José Inácio da Silva Pereira, docente di fisica quantica, in una università del Brasile, accenna al tema centrale del suo seminario che ha come tema il SUCCESSO: L’ARTE DI REALIZZARE I SOGNI.

In esso sono stati eviscerati in maniera chiara ed inequivocabile del perchè ha deciso di utilizzare la sua esperienza e incanalarla in una maniera del tutto  particolare, ma sicuramente molto funzionale. Per fare ciò, il professore ha trasformato una materia ostica e non sempre comprensibile a tutti,  con i suoi metodi super innovativi  per l’epoca.

Inizio così insegnare questi metodi ai suoi giovani studenti  affinchè avessero un aiuto a memorizzare le lezioni e le nozioni dei testi  universitari, per avere un valido aiuto per il percorso di studi intrapreso. In breve tempo il professor è divenuto un punto di riferimento in tutto il Brasile e oggi è conosciuto a livello internazionale e gira il  mondo per divulgare i suoi metodi.

Il 2 maggio 2022, nel corso della conferenza super motivazionale, il professor Pachecão ha presentato la sua incredibile  storia di vita nel corso della quale ha anche messo in chiaro come ha realizzato i suoi sogni più insoliti.

Una lezione di imprenditorialità, vendita, leadership, una strategia per lo sviluppo personale e sociale, una dimostrazione che l’essere umano è capace di costruire il proprio futuro. L’importanza di creare ambienti favorevoli all’innovazione, di un team amorevole e di ottime relazioni, cambiamento di comportamento, resilienza, determinazione e creatività come fattori preponderanti per la realizzazione dei sogni e la materializzazione della visione. Una storia di vita emozionante e molto divertente. Un’alta dose di ispirazione per risollevare il morale della squadra e tanta energia positiva per non rinunciare mai ai nostri sogni.

QUESTI I TEMI AFFRONTATI

INTELLIGENZA: pensare che è possibile fare le cose diversamente; essere un agente di trasformazione; avere un focus continuo sulla ricerca della conoscenza, dell’innovazione, dello sviluppo e dell’eccellenza; inclusione della tecnologia nel mondo del tuo business;
ENTUSIASMO: provare che è possibile fare diversamente; non accontentarsi degli stessi modi di fare le cose, di fronte a sfide diverse; provare a se stessi e chi ci circonda ad uscire dalla propria zona di comfort; avere energia ed essere spinti a fare le
necessarie trasformazioni;
CORAGGIO: dimostrare che è possibile fare le cose diversamente; proporre nuove idee e percorsi verso nuove sfide; ascoltare i suggerimenti ed essere aperti al cambiamento quando necessario; chiedere e approfondire per ampliare la conoscenza e iniziare l’evoluzione; prendere le decisioni migliori, nel tempo necessario, con le migliori informazioni disponibili.

Intervista realizzata con la preziosa collaborazione di Antonio Provitina.

 

Rispondi