La Prova – A volte il passato ritorna’, in scena per due date l’11 dicembre ad Aci Bonaccorsi e il 17 dicembre ad Acireale

Centro studi artistici
presenta
LA PROVA – A volte il passato ritorna’
con
Carmelo R.Cannavò e Giovanna Criscuolo
e con
Salvo Suderi, Alice Ferlito, Gisella Nicolosi, Nuzio Bonadonna, Diego Cannavò, Davide Cannavò, Carla  Chiarenza, Anna Laura Fiammingo.
Regia di Carmelo R. Cannavò,
Aiuto regia Diego Cannavò
Scene e costumi Salvo Manciagli
Luci e Fonica Danilo Auditore

Lo spettacolo “LA PROVA – A volte il passato ritorna’“, due atti di Melania La Colla,  nato da un idea di Enrico Guarneri,  sarà in scena  al TEATRO COMUNALE L. SCIASCIA di Aci Bonaccorsi  l’11 dicembre e al TEATRO TURI FERRO di Acireale   il 17 dicembre.

LA TRAMA
Sicilia, 1905, una piccola Compagnia di Teatranti girovaghi guidata da Giovanni Ricuccio Colombo – arriva – invitata dal sindaco, in un paese di provincia. Della compagnia fanno parte: due donne sempre pronte a voler primeggiare, un figlio indolente, che non vuole recitare; un cognato deluso, represso artisticamente; due fanciulle diverse caratterialmente, rassegnate a un dispotico – ma sostanzialmente bonario e pieno di umanità – capocomico, a sua volta illuso prima e deluso poi, da un lontano amore che improvvisamente ritorna a cancellare le sue certezze di uomo e di artista. E infine un giovane, dall’atteggiamento misterioso e inquietante, disposto a tutto pur di entrare a far parte della Compagnia. Ma l’amore sarà la svolta che farà scoprire la verità, che scioglierà il rancore, i dubbi, le perplessità e le gelosie dei protagonisti della vicenda. Melania Carmela La Colla, catanese, musicista, commediografa per passione, ha esordito nel 2000 al teatro Metropolitan di Catania in veste di autrice, con il lavoro brillante – satirico “Di sta terra ci nn’è una sula” (Separatismo alla Sicula), per la regia di Toni Musumeci.

Nota di Melania La Colla:
“Nel testo, nato da un’idea suggeritami da Enrico Guarneri, si accenna, fra l’altro, a situazioni realmente accadute, frutto di una ricerca storica. Una fra queste: 31 Marzo 1905, si inaugura a Catania la prima linea di Tram elettrici, ad opera dell’amministrazione De Felice.Come reale fu la dinastia dei Colombo, famiglia di Teatranti girovaghi di origine palermitana – il cui capostipite diede vita alla maschera popolare di Pasquino – seguitissima nelle vastasate che si tenevano all’interno delle baracche di legno situatepresso il porto di Palermo, adibite a teatro nei mesi invernali.Benchè l’atmosfera della commedia sia comica – grottesca (ma a tratti anche amara ed emozionante), mi sta a cuore dire che ho desiderato rendere omaggio alle dinastiedi Teatranti siciliani girovaghi dell’epoca, alla loro precarietà di vita; apparentemente lontana da quella delle piccole compagnie amatoriali attuali, ma – per certi aspetti -ancora riscontrabile, vivono con passione e onestà intellettuale questo mestiere. Ancora, ho voluto umilmente onorare il grande Eduardo, prendendo in prestito una Sua frase, estrapolata dal famoso “Discorso – testamento” che pronunciò a Taormina, il 15 Settembre 1984, poco prima della morte : “ Per il Teatro, vale la pena sbagliare, soffrire, non mangiare, non dormire, piangere, avere paura, cadere e farsi male…rialzarsi…”.

INFO:
11 dicembre Teatro Sciascia-17 dicembre Teatro Turi Ferro
Turni
TURNO A (sab. 17.30)
TURNO B (sab. 21.00)
TURNO C (dom. 18.30)

Se non sei abbonato alla Stagione
puoi acquistare il tuo biglietto presso il botteghino del Teatro Turi Ferro dal martedì al sabato dalla 17,00 alle 20,30.
Oppure puoi telefonare al numero di botteghino 0959892093 PRENOTARE  ONLINE

Si ricorda che i docenti possono utiulizzare la carta del docente.

 

Rispondi