Blue Note di Milano: la programmazione di dicembre con grandi ospiti fino a Capodanno

L’ultimo mese dell’anno sarà caratterizzato per la maggior parte dalle sonorità tipiche del Natale, rivisitate in chiave jazz, gospel e blues: sul palco si alterneranno crooner e showman che accompagneranno il pubblico verso le festività, quando tornerà l’immancabile Harlem Gospel Choir, una certezza all’interno del cartellone di Blue Note. Non mancherà ovviamente il classico Cenone di Capodanno: un menù sofisticato, firmato dallo chef Francesco Iannone, e un esclusivo wine paring per aspettare l’arrivo del 2023.

Giovedì 1° dicembre il contrabbassista Ferruccio Spinetti presenterà dal vivo sul palco del Blue Note il nuovo progetto discografico Arie, un vero e proprio omaggio al jazz italiano, essendo i brani scelti scritti solo ed esclusivamente da jazzisti italiani tra cui Fresu, Pieranunzi, Rava, Zanisi, Marcotulli, Flores, Picco, Giachero: brani strumentali trasformati in piccole “arie” cantate grazie ai testi originali, scritti e interpretati da Elena Romano, giovanissima 25enne al suo esordio discografico, nonché voce del gruppo.

Completano la band Giovanni Ceccarelli al pianoforte e Alessandro Paternesi alla batteria.
(Ore 20:30 – 30/25€)

Venerdì 2 dicembre il palco di via Borsieri sarà affidato a un quartetto imperdibile: i 4-Stones, Gabriele Comeglio al sax, Luciano Zadro alla chitarra, Tonino De Sensi al basso e Alex Batini De Barreiro alla batteria.

Il genere proposto da questi quattro veterani della musica non si può definire con un’etichetta stilistica precisa, è piuttosto un mix in sapiente equilibrio tra influenze e atmosfere che spaziano dalla world-music al funk, dal jazz al latin, con arrangiamenti e sonorità di grande raffinatezza, pur mantenendo un’energia intensa che rende lo spettacolo e il concerto assolutamente di grande pregio.
(Ore 20.30 – 35/30 €; ore 23.00 – 25/20 €)


Sabato 3 dicembre tornerà nuovamente Matthew Lee,
pianista, compositore e carismatico performer. Con il suo straordinario virtuosismo, questo talentuoso crooner ha saputo incantare il pubblico americano e non solo, fino a diventare un emblema dello spirito rock’n’roll e swing e a rappresentare per antonomasia la canzone d’autore italiana ispirata al mondo degli anni ’50 a stelle e strisce.

Con più di 1.200 concerti dal vivo e 7 album pubblicati, il giovane artista non smette di infiammare le platee di tutto il mondo e saprà incantare ancora una volta anche il pubblico milanese.
(Ore 20.30 SOLD OUT/23.00 – 35/30 €)

Domenica 4 dicembre il Blue Note di Milano aprirà le proprie porte a una delle band più folli del panorama musicale italiano: gli Extraliscio con un particolarissimo concerto ribattezzato Romantic Robot / Club (una produzione Betty Wrong e Sony Music in collaborazione con Parole e Dintorni): Mirco Mariani a pianoforte e voce, Paolo Rubboli alla batteria, Christian Ravaglioli alla chitarra e Enrico Milli a tromba e synth si esibiranno in una carrellata delle loro canzoni più celebri, i brani che li hanno definitivamente consacrati, da Bianca Luce Nera, a La nave sul Monte, a Amarsi come una regina e molti altri.
(Ore 20:30 – 30/25 €)

Martedì 6 dicembre il visionario pianista, compositore e improvvisatore sudafricano Nduduzo Makhathini presenterà al club di via Borsieri In the Spirit of Ntu, il suo decimo album in studio: una musica originale nella sua arcana bellezza che riassume i principi di una poetica che è insieme mistica contemporaneità e religiose tradizioni ancestrali. Figura centrale della vibrante scena jazz del paese, Makhathini ha riunito una band composta da alcuni dei giovani musicisti più entusiasmanti del Sudafrica:
Logan Richardson al sax contralto, Zwelakhe Dumas Bell Le Pere al contrabbasso e Chad Taylor alla batteria.
(Ore 20:30 – 33/28 €; ore 22:30 – 23/18 €)

 

Mercoledì 7 dicembre sarà la volta di The Swing Era, una serata speciale con l’Alfredo Ferrario 5tet. Questa originale formazione proporrà celebri brani provenienti dal ricco repertorio degli autori che hanno dato il via agli anni d’oro del jazz, la cosiddetta ‘Swing Era’: Benny Goodman, Duke Ellington, Fats Waller, George Gershwin e molti altri. Una musica indimenticabile che è stata in grado di coniugare melodie intramontabili con il ritmo trascinante degli anni ’30 e ‘40.
(Ore 20.30 – 30/25 €)

Giovedì 8 dicembre il Blue Note di Milano presenterà una novità assoluta a suon di musica classica: A night with Walt Disney, concerto-spettacolo interamente dedicato al magico mondo dai classici Disney, in compagnia dei Solisti di Milano Classica e della cantante Marika Barbieri. Tra musica, canto e narrazione, gli artisti sul palco (voce, quintetto d’archi, flauto, clarinetto, corno, pianoforte e batteria) daranno vita a un'indimenticabile serata piena di emozioni, ricordando i personaggi che più hanno fatto sognare intere generazioni e riproponendo le più famose colonne sonore che hanno reso celeberrimi in tutto il mondo questi film d’animazione pieni di magia.
(Ore 20:30 – 25€)

Venerdì 9 dicembre arriverà in via Borsieri il gruppo Accent, un progetto musicale che ha fatto del jazz e del canto a cappella il proprio tratto distintivo: un unico strumento, quello della voce naturale, grazie al quale questi sei artisti si sono conosciuti sul web. Originari, infatti, da ogni parte del mondo – Jean-Baptiste JB Craipeau da Francia, Simon Akesson dalla Svezia, Danny Fong e Andrew Kesler dal Canada, James Rose dal Regno Unito e Evan Sanders dagli States – hanno deciso di fondare una band nel 2011 dopo aver seguito i reciproci video su YouTube. Il loro stile ha incontrato il favore della critica, che li ha già designati quali eredi di grandi gruppi vocali del calibro dei Take 6 o dei Hi-Lo’s. Per l’occasione presenteranno i brani
del loro nuovo EP, Christmas All the Way.
(Ore 20:30 – 35/30 €; ore 23.00 – 25/20 €)

Altra presenza fissa nei cartelloni delle stagioni concertistiche del Blue Note è Tony Momrelle, che tornerà a esibirsi di fronte al pubblico meneghino sabato 10 dicembre. Cantante e compositore soul e jazz, è uno dei musicisti più interessanti e significativi della scena britannica moderna. Nel corso della sua fortunata carriera ha condiviso il palco con alcuni dei più grandi artisti del mondo, tra cui Elton John, Celine Dion, Andrea Bocelli, Gwen Stefani, e molti altri. La critica internazionale l’ha definito come il legittimo erede di Stevie Wonder per la somiglianza vocale e quel feeling unico della sua voce. Questa volta proporrà al pubblico il concerto natalizio A Very Soulful Christmas.
(Ore 20.30 – 37/32 €; ore 23.00 – 27/22 €)


Domenica 11 dicembre
Blue Note riproporrà Celebrate Django’s Sound, una serata speciale dedicata al genio del jazz manouche o gipsy jazz, Django Reinhardt: una novità presentata per la prima volta al Blue Note di Milano a inizio 2022, che ha subito riscosso un grande successo tra il pubblico. Sul palco gli Accordi Disaccordi presenteranno i brani del virtuoso chitarrista, passato alla storia per il suo stile originale e personale che combina jazz, swing, blues e sonorità della tradizione gipsy. Accordi Disaccordi è un trio tutto italiano nato agli inizi del 2012 e molto attivo nel panorama musicale nazionale e internazionale, composto da Alessandro Di Virgilio e Dario Berlucchi alle chitarre e da Dario Scopesi al contrabbasso.
(Ore 20.30 – 20/15 €)

Lunedì 12 dicembre andrà in scena in via Borsieri la Charity Xmas Night con Nina Zilli e Neri Marcorè: un evento unico, il cui biglietto darà diritto – oltre che al concerto – anche a un esclusivo aperitivo gourmet a scopo benefico il cui ricavato andrà a sostegno di tutti i progetti promossi da Banco dell’energia onlus, l’ente senza scopo di lucro nato su iniziativa di A2A e delle Fondazioni AEM e ASM che si pone l’obiettivo di raccogliere fondi per sostenere persone in situazione di vulnerabilità economica e sociale. Gli appetizer saranno firmati dallo chef Francesco Iannone, che proporrà agli ospiti Battuta di gamberi, coulisse di lampone e terra al cacao; Insalatina di avocado, concassé di pomodoro, olive taggiasche e taralli sbriciolati; Sfera di battuta di manzo con salsa alla senape miele e molto altro.
(Aperitivo e concerto, ore 20:30 – 80 €)

Un gradito ritorno è anche quello di Stefano Signoroni che sarà di scena venerdì 16 dicembre: questo moderno crooner proporrà al pubblico del Blue Note una serata molto particolare, dal gusto vintage, di grande impatto e divertimento tra canzoni ricercate e brani conosciutissimi. Uno show che spazia dallo swing al pop raffinato internazionale senza tralasciare, per la particolare occasione, alcune delle più belle melodie di Natale tratte dal suo album Christmas. Un repertorio accattivante che ripercorre la musica dagli anni ’60 a oggi, capace di far vivere al pubblico uno spettacolo nello spettacolo con carisma ed eleganza. Ad accompagnarlo la sua The MC band, capitanata dal bassista Flavio Scopaz, con la quale Signoroni si esibisce in tutto il mondo sui palchi più prestigiosi e in occasione degli eventi più glamour.
(Ore 20.30 – 33/28 €)

Sabato 17 e domenica 18 dicembre tornerà sul palco del Blue Note la cantautrice e musicista pugliese Serena Brancale che riproporrà al pubblico il suo ultimo album, Je so accussì: una raccolta di canzoni caratterizzate da una nuova consapevolezza, tanto nel suono quanto nei testi, in grado di mantenere comunque la sua cifra stilistica tra jazz e soul ma con nuove influenze e collaborazioni pop e urban. In questo terzo capitolo discografico di inediti, rende omaggio anche a tre composizioni di Pino Daniele, sua più grande fonte d’ispirazione, conservando preziosamente le melodie originali ma con una nuova veste negli arrangiamenti.
(Ore 20.30 – 35/30; ore 23.00 – 25/20 €)

Amatissimi dal pubblico del Blue Note, venerdì 23 dicembre torneranno Vik and the Doctors of Jive, per l’occasione in versione natalizia, con un concerto unico dal titolo Buon Natale, Merry Christmas. Non mancheranno poi i grandi classici swing americani e italiani degli anni ’50 e ’60, da Fred Buscaglione a Renato Carosone e Frank Sinatra, a cui la band imprime, con ispirazione jazzistica, il suo personalissimo e inconfondibile ritmo shuffle.

Saranno inoltre presenti brani originali, nati dall’incontro con il maestro Tempera che, con la sua firma, ha impresso un tratto distintivo di assoluta unicità a ogni pezzo, dando una nuova intesa musicale, in grado di coinvolgere sempre il pubblico grazie anche all’elegante irriverenza e all’innata capacità di tenere il palco del frontman Vik.
(Ore 20.30 – 32/27 €; ore 23:00 – 22/17 €)

Non c’è ricorrenza più tradizionale del Natale e in via Borsieri non si farà eccezione: da sabato 26 dicembre a domenica 1° gennaio tornerà, come sempre, l’immancabile Harlem Gospel Choir. Il repertorio è tradizionale, ma non annoia mai, grazie anche all’autentico spirito gospel in grado di infondere gioia e serenità.

Il coro, ribattezzato “Angles in Harlem” dagli U2, continua a riscuotere successo in ogni angolo del pianeta, portando ovunque nel mondo una maggiore comprensione della cultura afro-americana e della musica ispirata chiamata Gospel così come si suona nella Black Church.

(Ore 20.30 da martedì a domenica/22.30 da martedì a giovedì e ore 23:00 venerdì e sabato – 37/32 €)



Sabato 31 dicembre
Blue Note ospiterà come di consueto il grande Cenone di Capodanno all’insegna della
buona musica e di un raffinato menù pensato per l’occasione dallo chef Francesco Iannone: 6 portate accompagnate dai vini selezionati dai sommelier del jazz club, brindisi di mezzanotte e gli immancabili cotechino e lenticchie ben augurali, che accompagneranno gli ospiti del verso il 2023.
Sul palco l’Harlem Gospel Choir.
(Ore 19.30 – 230 €)

BLUE NOTE MILANO, jazz club aperto nel 2003, si estende su una superficie di 1000 metri quadrati su 3 diversi livelli. L’atmosfera è quella di un elegante jazz club, e da ogni posizione della platea e della balconata lo spettatore può ascoltare le esibizioni di artisti di fama internazionale con il massimo della qualità acustica: la struttura e le dimensioni del locale permettono a tutti di godersi appieno il concerto. Come vuole la tradizione ereditata dal leggendario club del Greenwich Village, una serata al Blue Note è anche l’occasione per poter vivere al meglio il binomio musica e cibo. Il servizio si effettua nella stessa sala dei concerti ed offre una cucina semplice ma raffinata, un’ampia selezione di vini italiani e francesi, più di 200 cocktail e liquori dal bar e quell’atmosfera speciale che si può trovare solo in un jazz club. Radio Monte Carlo è la radio ufficiale di Blue Note Milano e una volta a settimana Nick the Nightfly, mitico musicista e conduttore radiofonico, conduce a partire dalle ore 22.00 la sua trasmissione Monte Carlo Nights da un’apposita postazione all’interno del jazz club milanese.
www.bluenotemilano.com

 

Rispondi