‘Il Barbiere di Siviglia’ di Gioacchino Rossini il 2 dicembre all’Eco Teatro di Milano

L’Orchestra “Musica in scena”  sarà diretta dal Maestro Francesco Maria Ferrario; la Direzione Artistica dal soprano Alessandra Floresta e tra gli interpreti da segnalare il  tenore  Filippo Pina Castiglioni nel ruolo del  Conte di Almaviva,  il baritono Allan Rizzetti in quello di  Figaro e  il mezzosoprano Paola Cacciatori interpreterà Rosina.

Un omaggio a Rossini nell’ambito delle celebrazioni per i 150 anni dalla scomparsa del grande maestro.

Un’occasione  per scoprire o ritrovare  un divertente capolavoro della lirica italiana in un’edizione frizzante con le parole delle principali arie proiettate su un grande schermo, così da rendere più facile la comprensione dell’azione scenica.

Interpreti, orchestra e coro
IL BARBIERE DI SIVIGLIA

Opera di Gioachino Rossini, in due atti, su libretto di Cesare Sterbini, tratto dalla commedia omonima francese di Pierre Beaumarchais del 1775.

Orchestra“Musica In scena” diretta dal maestro Francesco Maria Ferrario
Direzione artistica:  Alessandra Floresta – Soprano
Coro e costumi:“Associazione Musicale Calauce”
Maestro del Coro: Massimiliano Di Fino
Regia: Marco Daverio

Protagonisti: 
Conte di Almaviva – Filippo Pina Castiglioni  – Tenore
Don Bartolo – Andrea Del Conte
Rosina – Paola Cacciatori  – Mezzosoprano
Figaro – Allan Rizzetti – Baritono
Don Basilio – Gabriele Bolletta
Berta – Keta Nino
Fiorello –  Nicolas Causero

Con la partecipazione straordinaria di Enrico Beruschi come voce narrante delle vicende.

Ecoteatro
Via Fezzan 11 – 20146 Milano
Info: direzione@ecoteatro.it
Direzione Marco Daverio
Tel: 02 82773651
http://www.ecoteatro.it

Costo biglietti da € 18.00 –
La biglietteria è aperta da giovedì a sabato dalle ore 15 alle ore 19 – Tel: 02 82773651 / 370 1424292

ECOTEATRO – CHI SIAMO
L’ex Teatro di Milano – Cinema Orione cambia gestione e diventa “EcoTeatro” la prima sala milanese che offre servizi culturali nel rispetto dell’ambiente e della qualità della vita: elettricità da fonti rinnovabili, risparmio energetico, materiali riciclati, raccolta differenziata e parte dell’incasso destinata alla piantumazione di nuovi alberi per compensare l’anidride carbonica prodotta dall’attività.

Una scelta innovativa e responsabile quella del nuovo gestore, l’ente non profit “Muse Solidali Cooperativa Impresa Sociale”, che rende la città di Milano ancora più smart e internazionale.

 

Rispondi