Il Teatro Out Off  riapre il 15 giugno con ‘Il sogno di un uomo ridicolo’ di Dostoevskij

15 – 20 giugno, ore 19.30  
Teatro Out Off
IL SOGNO DI UN UOMO RIDICOLO
di Fëdor Dostoevskij
Traduzione e drammaturgia di  Fausto Malcovati e Mario Sala
con Mario Sala
regia Lorenzo Loris
scena Daniela Gardinazzi,  costumi Nicoletta Ceccolini, luci e fonica Luigi Chiaromonte
consulenza musicale Ariel Bertoldo, collaborazione ai movimenti Barbara Geiger
assistente alla regia Davide Pinardi, Interventi pittorici di Giovanni Franzi
Produzione Teatro Out Off

Lo spettacolo è parte del progetto “Maestri. Incontriamoli!” con cui proponiamo una riflessione su alcune importanti figure artistiche e culturali che il Teatro Out Off ha avuto di riferimento. Sono uomini e artisti speciali a cui abbiamo guardato come “Maestri” e che sentiamo di dover far conoscere ai più giovani, non solo attraverso una documentazione, ma anche con la lettura che ne daranno i giovani stessi. Dopo Joseph Beuys abbiamo voluto dedicare al massimo scrittore e pensatore russo alcune serate con al centro lo spettacolo “Il sogno dell’uomo ridicolo” e un successivo approfondimento su Dostoevskij con  interventi, tavole rotonde e proiezioni.

Con “Il sogno di un uomo ridicolo”, spettacolo tratto dal racconto omonimo di Dostoevskij diretto da Lorenzo Loris e interpretato da Mario Sala,  in occasione dei 200 anni dalla nascita del grande scrittore russo, vogliamo imprimere un segno forte di rinascita dopo più di un anno di chiusura per la pandemia cercando di dare anche un nuovo significato a questo straordinario racconto che ci invita a prendere coscienza della nostra situazione continuamente in bilico tra progresso e catastrofe. Un racconto fantastico, scritto intorno al 1876 da Dostoevskij, che riesce a parlarci ancora oggi della necessità dell’utopia proprio in un momento in cui il presente, più che un sogno fantastico, è un incubo distopico.  Per Dostoevskij l’uomo deve porsi degli obiettivi positivi perché  la felicità sulla Terra può esistere e cercarla non solo ha senso, ma è forse l’unica cosa che abbia senso fare.

Nel corso delle repliche dello spettacolo  saranno dedicate alcune serate al grande scrittore e pensatore russo:

Il 15 giugno, dopo lo spettacolo interverrà  il professore Fausto Malcovati, uno dei massimi esperti e traduttori di letteratura russa, affrontando in un dialogo con il virologo Fabrizio Pregliasco temi che riflettono la nostra condizione in questa emergenza pandemica globale e le intuizioni profetiche di Dostoevskij sulle responsabilità dell’uomo nella distruzione della terra.

Il 16, 17 e 18 giugno, sempre dopo lo spettacolo,  si entrerà nell’immaginario di Dostoevskij parlando con i critici  cinematografici Barbara Sorrentini, Silvio Danese, Matteo Marelli, Luca Mosso  del suo rapporto con il cinema e vedendo come giovani studenti di cinema dello IED hanno interpretato uno dei suoi racconti più letti e famosi “Notti bianche”.

Per vedere i dettagli della programmazione consulta il sito www.teatrooutoff.it

INFO:
Prenotel  0234532140 lunedì ore 10 > 18 e martedì > venerdì ore 10 > 20; sabato ore 16 >20

acquista online direttamente dal nostro sito www.teatrooutoff.it      powered by    

Intero 18 Euro – costo prevendita e prenotazione 1,50/1,00 Euro  

Riduzione 12 Euro under 25 ; 9 Euro over 65 Convenzione con il Comune di Milano 

Orari spettacoli da martedì a domenica ore 19.30

Parcheggio convenzionato, Garage Govone, via Mac Mahon 9 – 2€ all’ora Tel. 0233609770

Trasporti pubblici  Metro 5 fermata Cenisio, tram 12-14 bus 78 Accesso disabili con aiuto

Teatro Out Off 20155 Milano via Mac Mahon 16,  Uffici via Principe Eugenio 22 telefono 02.34532140

info@teatrooutoff.it; www.teatrooutoff.it , Bistrot del teatro  tel. 0239436960

 

Rispondi