Il Teatro Sistina, dopo quasi due anni, finalmente riapre con ‘Mamma Mia!’ il 7 dicembre

Dopo i mesi bui della pandemia e un’assenza di quasi due anni, è arrivato il momento tanto atteso: il prossimo 7 dicembre Il Teatro Sistina celebra la riapertura con uno degli spettacoli più amati degli ultimi anni, “Mamma Mia!”. Il musical dei Record firmato Massimo Romeo Piparo che ha già registrato numeri straordinari con oltre 500mila spettatori in poco più di 200 repliche grazie ad una storia di romanticismo e coraggio, è il Musical perfetto per tornare a godere delle gioie dello Spettacolo dal Vivo.

Paolo Conticini, Luca Ward, Sergio Muniz e, nel ruolo che nel film fu di Meryl Streep, la bravissima Sabrina Marciano saranno i beniamini protagonisti della più celebre commedia musicale degli anni 2000 con le mitiche canzoni degli Abba. Con un cast di oltre 30 artisti e l’Orchestra dal vivo diretta dal Maestro Emanuele Friello, il pubblico potrà scatenarsi al ritmo coinvolgente delle celeberrime hit degli ABBA come Mamma Mia!, Dancing Queen, The winner takes it all, Super Trouper e molti altri: 24 brani che, proprio per volere degli autori originali, sono stati tradotti in italiano e, come i dialoghi, curati direttamente dal regista Massimo Romeo Piparo.

Con la messa in scena ricca e spettacolare di una grande Produzione, fiore all’occhiello della PeepArrow Entertainment, al Sistina sarà una grande festa, un’imperdibile Opening Night per ritrovare l’entusiasmo degli spettatori e rinsaldare il legame di affetto e condivisione che neppure l’emergenza sanitaria ha potuto spezzare.

Finalmente si torna a sognare, finalmente si torna a lavorare”, afferma Massimo Romeo Piparo, direttore artistico del Teatro Sistina, “Sono stati due anni durissimi per noi operatori dello Spettacolo dal Vivo. Anni in cui ci è stata negata improvvisamente l’essenza stessa del nostro mestiere: la condivisione, la vicinanza di persone in occasione di un rito che si compie. Ora Il Sistina riparte con entusiasmo e rinnovandosi completamente, offrendo allo spettatore la prova di quanto tenga al proprio pubblico. Ma la fiducia va conquistata sul campo, e noi lo abbiamo fatto anche a partire dai rimborsi effettuati durante l’emergenza sanitaria, quando tutti emettevano voucher trattenendo somme di denaro per oltre 20 mesi: in un momento di tale incertezza e di privazioni, noi operatori abbiamo l’obbligo di dimostrare di volere a tutti i costi meritare questa fiducia”.

E proprio per prepararsi al meglio all’incontro con il pubblico e ripartire con slancio, il Tempio della commedia musicale italiana nei mesi della chiusura si è completamente rinnovato.

Tantissime le novità per gli spettatori che troveranno poltrone nuove per una maggiore comodità (così come moquette, boiserie, velluti, servizi igienici, foyer, marmi), un nuovo sistema di aerazione e un nuovo sistema di biglietteria, in persona al botteghino oppure online sul sito del Sistina, con una novità tecnologica – di cui il Sistina sarà il primo Teatro italiano a dotarsi – che mostrerà in 3D la visione del palco dal posto scelto. In un rapporto diretto tra spettatore e teatro, l’acquisto dei biglietti avverrà senza ulteriori commissioni oltre a quelle applicate per il pagamento prescelto e senza intermediari, che aumentavano il costo del biglietto e riducevano la sicurezza di ottenere il meritato rimborso in caso di chiusura forzata. E ancora, a rinnovarsi sarà anche il sistema di ristorazione, affidato ad un brand molto attivo sul territorio nazionale che offrirà un comfort e una qualità del Food&Beverage di prima categoria. Altra grande novità sarà l’orario di inizio degli spettacoli: le repliche serali inizieranno alle ore 20,30 mentre quelle pomeridiane alle ore 16,00.

 

Rispondi