L’Importanza di Chiamarsi Ernesto: il capolavoro di Oscar Wilde in scena con Bruni e Frongia al Teatro Elfo Puccini

Se stai cercando un’esperienza teatrale unica e coinvolgente, segna sul tuo calendario le date dal 12 dicembre al 12 gennaio presso la sala Shakespeare. È qui che il capolavoro di Oscar Wilde,L’importanza di chiamarsi Ernesto“, prenderà vita sotto la regia, le scene e i costumi di Ferdinando Bruni e Francesco Frongia.

Nel 2017, questo spettacolo ha conquistato il pubblico, riuscendo a restituire tutta la cattiveria di quella che Wilde definì una “commedia frivola per gente seria”. Con un cast di talentuosi attori, tra cui Riccardo Buffonini, Giuseppe Lanino, Elena Russo Arman, Ida Marinelli, Luca Toracca, Cinzia Spanò, Camilla Violante Scheller e Nicola Stravalaci, questa produzione del Teatro dell’Elfo promette di essere un’esperienza indimenticabile.


La regia di Bruni e Frongia
promette di portare una ventata di freschezza all’opera, trasformando il palcoscenico in un foglio bianco pronto per essere dipinto con i colori e i suoni dei cartoon, nonché con l’estetica pop degli anni Sessanta. In questo spazio dinamico, gli otto interpreti si esibiranno con un ritmo indiavolato, garantendo uno spettacolo esilarante e coinvolgente per tutti gli spettatori.

Questo adattamento non solo cattura l’essenza della commedia di Wilde, ma evidenzia anche l’ironia caustica dell’autore irlandese. Attraverso il rovesciamento paradossale del senso, Wilde smonta i luoghi comuni su cui si fonda la morale della società borghese, mettendo in discussione la rigidità delle divisioni di classe e l’ossessione per il denaro.

Crediti foto: Laila Pozzo

Teatro Elfo Puccini, sala Shakespeare, corso Buenos Aires 33, Milano
Orari spettacolo: martedì, mercoledì, giovedì e sabato ore 20.30
venerdì ore 19.30 | domenica ore 16.00
Durata spettacolo: 2h 15 minuti con intervallo
Prezzi: intero € 34 / <25 anni € 15 / >65 anni € 18 / online da € 16,50
Biglietteria: tel. 02.0066.0606 – biglietteria@elfo.org – whatsapp 333.20.49021

 

Rispondi