Il Violinista sul Tetto convince il pubblico milanese al Teatro Nuovo e replica fino al 10 marzo

Visto e recensito da Lilliana Vazzana il 22 febbario 2018.

LA PREMESSA
E’ il 22 settembre 1964 quando all’ Imperial Theatre di Broadway va in scena per la prima volta “Fiddler on the roof” “Il Violinista sul tetto”, tratto dalla storia di Tewje il lattivendolo di Sholem Aleichem.

Il nome del musical è stato ispirato da una famosa opera di Chagall e anche il set viene realizzato per richiamarsi ai quadri dell’artista. Sholem Aleichem e Chagall, entrambi nati in un piccolo paese, rievocano nelle loro opere la vita e le tradizioni culturali e religiose della loro infanzia.

Nello spettacolo di Broadway le musiche sono ispirate alle melodie Yiddish, ma le canzoni hanno testi in inglese ed é grazie all’edizione italiana diretta e interpretata da Moni Ovadia che i testi vengono tradotti in Yiddish riportando il tutto in un contesto di cultura est-europea.

Per altre info sullo spettacolo vi rimandiamo al nostro precedente articolo.

E’ invece doveroso dire che lo spettacolo registra una grande partecipazione di pubblico a nella serata del debutto avvenuto il 22 febbraio al Teatro Nuovo di Milano, gli applausi si  sono fatti sentire ad ogni conclusione di scena e copiosi ai saluti finali da un pubblico convinto.

Un occhio sul palco
Si apre il sipario sulla prima scena ed eccoci immersi un quadro di Chagal, un’immagine onirica/simbolica. Nel mezzo del palco c’è un tetto, che sarà sempre presente e attorno si svolgerà la nostra rappresentazione. Altre sagome di case sullo sfondo e penzolanti dall’alto faranno da contorno, un set sintetico ed efficace nel riprodurre questo villaggio un po’ sospeso nel nulla quasi lui stesso fosse un piccolo mondo a se bastante. Un mondo su un tetto dove vive una piccola comunità felice, dove i personaggi indossano abiti di scena che riproducono quadri e vivono seguendo le loro convenzioni sociali e religiose, quelle della tradizione ebraica.

In questo ridente villaggio, della Russia zarista dei primi del novecento, vive il lattaio Tewje con la moglie Golde, le loro tre figlie da marito e gli abitanti del villaggio ognuno con una sua particolare personalità.

Le prime complicazioni e i primi cambiamenti nascono proprio dalle figlie che si ribellano alle tradizioni. Tewje stupendamente interpretato da Moni Ovadia, persona semplice e saggia, sensibile ai problemi altrui deve destreggiarsi per risolvere le varie situazioni e mantenere la pace in famiglia come nel villaggio fino ad affrontare l’atto finale con la persecuzione e all’esilio.

Un Ovadia che ci fa sorridere e diverte nei suoi monologhi con Dio dove commenta e chiede senza attendere risposte e il sipario si chiude con Tewje che ancora una volta incita alla pace, all’essere miti riferendosi al doversene andare, abbandonando le loro case senza sapere dove perché non graditi e ricorda che d’altronde Dio l’aveva detto …

Bella ed efficace la scenografia in particolare quando il tetto si trasforma nel letto di Tewje e di sua moglie Golde e magistrale l’interpretazione di Ovadia che racconta alla moglie un finto sogno fra lanterne che punteggiano il buio in cui si muovono i fantasmi immaginari.

Bravi tutti gli attori in scena, sia nella comunicazione verbale, che nella mimica e presenza scenica; altrettanto bravi i ballerini e i musicisti che riempiono la scena diventando essi stessi parte della popolazione del villaggio.

Uno spettacolo da vedere?
Si. perchè serio e divertente, lungo quanto basta e sempre attuale perché certi atteggiamenti e situazioni non hanno epoca. Si ricorda che le repliche si susseguiranno fino a domenica 10 marzo, ma non aspettate l’ultimo giorno potreste non trovare posto.

BIGLIETTI Prevendita onlinewww.teatronuovo.it– www.ticketone.it
Biglietteria Teatro Nuovo
Piazza San Babila
☎️02.794026
Da lunedì a sabato 10:00/19:00 orario continuato
Domenica 14:00/17:00
prenotazioni@teatronuovo.it
CONTATTI:Facebook @teatronuovomilano – @IlViolinistaSulTettoInstagram @teatronuovo_milanoTwitter @TeatroNuovowww.teatronuovo.it
Pagina Ufficiale Facebook Moni Ovadia @MoniOvadiaPaginaUfficiale www.moniovadia.net
#ilviolinistasultetto #teatronuovomilano

 

Rispondi