L’Eccellenza Enologica di Lungarotti: tradizione, innovazione e vini iconici per un Natale Indimenticabile

Il Natale è una festa intrisa di tradizione, e nulla incarna meglio lo spirito delle celebrazioni natalizie di Lungarotti, l’azienda vinicola storica umbra. Da nord a sud, i menu delle feste si arricchiscono con piatti iconici, ma c’è un compagno irrinunciabile che accompagna ogni banchetto natalizio: i vini pregiati di Lungarotti.

San Giorgio Umbria IGT 2018: Un Rosso Che Incarna la Tradizione
Il cuore delle festività natalizie è il convivio attorno a tavole imbandite, e nulla completa il festino quanto il San Giorgio Umbria IGT 2018. Creato nel 1977 da Giorgio Lungarotti, pioniere visionario dell’enologia italiana, questo rosso è un’ode alla tradizione. L’uvaggio di Sangiovese e Cabernet Sauvignon, in parti uguali, regala un vino di ampia struttura, con tannini maturi e avvolgenti. I profumi fruttati di cassis e mirtillo si fondono con eleganti note boisé di cannella e cacao, con un sottofondo balsamico. Sull’etichetta, un omaggio alla festa di San Giorgio a Torgiano, rende questo vino un capolavoro degno delle festività.

Bollicine di Classe per Brindisi Scintillanti
Per i brindisi più festosi, Lungarotti propone due gemme Metodo Classico: il Brut Millesimato 2018 e il Brut Rosé. Il primo, un’elegante sinfonia di uve Chardonnay e Pinot Nero, offre un profumo avvolgente di mandorla e nocciola, con un finale agrumato fresco e pulito. Il secondo, basato su Pinot Grigio e Sangiovese, presenta una freschezza vibrante, suadenti profumi di glicine e rosa, seguiti da delicati accenni di nocciola e mentolo, con un tocco agrumato nel finale.

Lungarotti: Una Storia di Eccellenza
Lungarotti, simbolo dell’eccellenza enologica umbra, ha scritto pagine indelebili nella storia del vino italiano. La visione pionieristica di Giorgio Lungarotti ha trasformato l’azienda familiare a Torgiano in una cantina di successo, e oggi, con tre generazioni al timone, l’impegno, la passione e la competenza si fondono per portare avanti l’eredità. Dai rinomati Rubesco Riserva Vigna Monticchio al Rubesco – Rosso di Torgiano, ogni vino è un’opera d’arte che riflette il carattere distintivo dell’Umbria.

Con 250 ettari di vigneti tra la Tenuta di Torgiano e quella di Montefalco, Lungarotti pratica una viticoltura sostenibile e biodiversificata. La valorizzazione dell’enoturismo di qualità e la promozione della cultura del vino e dell’olio sono pilastri fondamentali, incarnati dai Musei del Vino e dell’Olivo e dell’Olio di Torgiano.

Questo Natale, celebra la tradizione con i vini di Lungarotti – una festa per il palato e un omaggio alla ricca storia enologica italiana.

Visita www.lungarotti.it per scoprire di più.

 

Rispondi