Il Ministero della Solitudine al Teatro Grassi: uno spettacolo che indaga l’anima umana

Dal 12 al 17 dicembre, il Teatro Grassi accoglierà con lo spettacolo “Il Ministero della Solitudine” della compagnia lacasadargilla, diretto con maestria da Lisa Ferlazzo Natoli e Alessandro Ferroni. Questa produzione teatrale, ispirata a un avvenimento di cronaca internazionale, si propone di esplorare la malattia dell’isolamento che affligge la società contemporanea. Con una scrittura originale e un cast di talentuosi attori, lo spettacolo si preannuncia come un’esperienza teatrale coinvolgente e profonda.

Il nucleo narrativo dello spettacolo si sviluppa a partire da un evento del gennaio 2018, quando la Gran Bretagna ha istituito ufficialmente il primo Ministero della Solitudine al mondo. Un atto provocatorio volto ad affrontare gli impatti emotivi, fisici e sociali derivanti dall’isolamento. La trama si dipana attorno a questa iniziativa, esplorando le sfaccettature dell’isolamento come malattia sociale.

L’approccio artistico della compagnia lacasadargilla si distingue per la sua capacità di tradurre la complessità umana in un linguaggio teatrale unico. La regia di Lisa Ferlazzo Natoli e Alessandro Ferroni, unita alla performance di cinque attori straordinari (Caterina Carpio, Tania Garribba, Emiliano Masala, Giulia Mazzarino, Francesco Villano), promette uno spettacolo avvincente e riflessivo.

Attraverso la storia dei personaggi – Alma, F. (l’unico di cui non sapremo mai il nome completo,), Primo, Simone e Teresa – lacasadargilla esplora la solitudine in tutte le sue sfaccettature. Dai desideri inespressi alle immaginazioni irragionevoli, lo spettacolo si propone di far riflettere il pubblico sulla solitudine contemporanea e sulla sua presenza insidiosa nella vita quotidiana.

La compagnia si interroga sulla definizione della solitudine e sulla sua classificazione. Chiede se esista un “sussidio di solitudine” e chi abbia diritto ad esso. In un mondo sempre più affollato di assenze e incontri mancati, “Il Ministero della Solitudine” pone l’accento sullo scandalo di sentirsi soli, esplorando le dimensioni emotive e sociali di questa esperienza.

In un periodo in cui la solitudine sembra dilagare nelle società moderne, lo spettacolo “Il Ministero della Solitudine” si pone come una lucida riflessione sulla condizione umana. Con una trama originale, una regia accattivante e un cast straordinario, questo evento teatrale al Teatro Grassi promette di toccare le corde più profonde dello spettatore, invitandolo a esplorare il complesso mondo dell’isolamento e della connessione umana.

Piccolo Teatro Grassi (via Rovello, 2 – M1 Cordusio)
dal 12 al 17 dicembre 2023
Il Ministero della Solitudine
uno spettacolo di lacasadargilla
parole di e con
Caterina Carpio, Tania Garribba, Emiliano Masala, Giulia Mazzarino, Francesco Villano
drammaturgia del testo Fabrizio Sinisi
regia Lisa Ferlazzo Natoli e Alessandro Ferroni
drammaturgia del movimento Marta Ciappina
cura dei contenuti Maddalena Parise
spazio scenico e paesaggi sonori Alessandro Ferroni
luci Luigi Biondi
c
ostumi Anna Missaglia
aiuto regia Caterina Dazzi / Alice Palazzi
assistente al disegno luci Omar Scala
assistente volontaria alla regia Laura Marcucci
produzione Emilia Romagna Teatro ERT /
Teatro Nazionale, Teatro di Roma – Teatro Nazionale, Teatro Metastasio di Prato
Orari: martedì, giovedì e sabato, ore 19.30; mercoledì e venerdì, ore 20.30; domenica, ore 16.
Durata: 95 minuti senza intervallo
Prezzi: platea 33 euro, balconata 26 euro
Informazioni e prenotazioni 02.21126116 – www.piccoloteatro.org

 

Rispondi